Archivi categoria: atrocità

I ritornelli veramente belli

Anche Elia spallanzani cercò di buttarsi nel business delle canzoni estive. Erano i tempi di “stasera mi butto” ed altrettali ma Spallanzani ovviamente scelse tutt’altro registro e più o meno prefigurò un Paolo Conte di là da venire, sebbene con … Continua a leggere

Pubblicato in atrocità, frammenti, media | Lascia un commento

Chi ha ucciso il compagno Bispensiero

Al di fuori di certi gruppuscoli pochi ormai sanno chi fosse Bispensiero. Qualche anno fa il Bispe sembrava, sempre a noi pochi maniaci, destinato a superare i confini dei circoletti di internet, e invece poi è sparito come folgorato da … Continua a leggere

Pubblicato in atrocità, circoletti, rovesci, sherlock | Lascia un commento

Orsi e orsini

Pare che gli orsi abbiano un bell’olfatto. Il tipo del documentario* diceva trecento volte più fine di quello del cane, ma siccome era un americano si tratta certamente di banfate. Però da qualche parte abbiamo letto che l’orso annusa l’uomo … Continua a leggere

Pubblicato in atrocità, oziosità | 1 commento

E questa sarebbe almeno una fine

Nel film “Delitto al ristorante cinese” del 1981 il commissario Giraldi si costruisce una villetta abusiva con l’aiuto dei colleghi e anche di un giudice. Tutti sbeffeggiano il vigile in bicicletta che cercava di fermare l’abuso. Costui è gratificato da … Continua a leggere

Pubblicato in atrocità, rovesci | Lascia un commento

Il vero carattere dei compagni

Inquietante è accorgersi di avere un vizio in comune coi compagni. Ad esempio, ci piacciono i font con variazioni semi casuali che li fanno somigliare alla stampa di una volta, quella veramente bella (veramente vera). Recuperammo caratteri del genere, del … Continua a leggere

Pubblicato in atrocità, oziosità, paranoia, vecchi intrattenimenti | 2 commenti

Una poesia di HPL tradotta da Spallanzani

A sorpresa, quasi a sfregio, l’amico Al Damerini ci invia la copia restaurata di una rarissima interpretazione di una poesia di Lovecraft tradotta da Elia Spallanzani e pubblicata nella sua raccolta “I fiori dell’8”. All’epoca Lovecraft non era ancora caduto … Continua a leggere

Pubblicato in alieni, atrocità, lovecraft, media, spallanzate | Lascia un commento

Il punto oltre il quale conviene diventare completamente ignoranti

L’espressione “punto di non ritorno” ha subito un significativo slittamento. Oggi viene usata esclusivamente per dire “il punto oltre il quale diventa impossibile rimediare”, ma in origine aveva un senso un po’ diverso: era il punto oltre il quale è … Continua a leggere

Pubblicato in atrocità, rovesci, virale | Lascia un commento

Carletto e il turismo

Da molti anni vorremmo scrivere un libretto su Marx e il turismo. L’ottimo Carlo, pur avendo previsto in maniera impeccabile lo sviluppo della società futura, sembra avere un po’ sottovalutato questo pilastro della cultura e ormai anche dell’etica, il turismo. … Continua a leggere

Pubblicato in atrocità, oziosità | 4 commenti

Un piccolo qualcosa per noi uomini cattivi

Disse Elia Spallanzani: “Da ragazzo credevo di essere bruttarello ma simpatico, poi invece grazie alle confidenze di amici ho saputo che mia moglie si era fidanzata con me unicamente per via del mio fisico, e mi aveva abbandonato solo a … Continua a leggere

Pubblicato in atrocità, frammenti, spallanzate | Lascia un commento

Buoni propositi: basta metafore incongrue

La povertà del discorso pubblico è tale che qualsiasi metafora, anche la più squallida, inappropriata o semplicemente errata, diventa subito un titolo di giornale. E siccome la gente legge solo i titoli, finisce per abituarsi alle metafore squallide, inappropriate e … Continua a leggere

Pubblicato in atrocità, oziosità | 2 commenti

L’orrenda risata continua ad aleggiare

L’anno scorso abbiamo scritto tre piccole sceneggiature piene di odio e di livore anticompagnesco. Quest’anno è stato ancora più terrificante di quelli precedenti, per quanto sembri incredibile, e siamo molto maturati, quindi a parziale discolpa abbiamo recuperato una quarta sceneggiatura, … Continua a leggere

Pubblicato in atrocità, oziosità | Lascia un commento

Sotto il limite

L’altra sera hanno rifatto per la centesima volta Ghostbusters e l’abbiamo rivisto con letizia, anche se nel modo in cui si guarda la televisione e quindi a pezzi, mentre si spippola sul telefono o si finge di dare retta a … Continua a leggere

Pubblicato in atrocità, media, oziosità, pseudo recensioni | Lascia un commento

La favola del figlio cambiato

È interessante notare che tra le fasce più ignoranti della popolazione il mito dei comunisti divoratori di bambini è stato sostituito da quello dei compagni ladri di bambini. Questi mitici compagni vengono descritti un po’ come le fate: una razza … Continua a leggere

Pubblicato in atrocità, circoletti, delitti, illusioni | Lascia un commento

Essi ci guardano dalle torri

Rivedendo alcune scene del crollo delle torri abbiamo pensato più o meno le stesse cose che pensavamo vent’anni fa: gli americani erano così convinti di essere intoccabili e che le loro opere fossero eterne da non spostarsi nemmeno. La folla … Continua a leggere

Pubblicato in atrocità, oziosità | Lascia un commento

Cinque sermoni sul culto dei posteri

I. Il fatto che “onora il padre e la madre” venga prima di “non uccidere” dovrebbe rendere superfluo un discorso sull’antica scala dei valori delle società.Del resto per millenni gli uomini si sono sentiti in colpa verso i loro genitori … Continua a leggere

Pubblicato in atrocità, delitti, oziosità, paradossi | 1 commento