Un libro con più autori che lettori

masch2Pare che l’Educazione sentimentale sia stata un fiasco. Delle 150 copie omaggio spedite ad amici e conoscenti, annota Flaubert, solo una trentina ricevette il beneficio di un riscontro. Tragica considerazione, ma anche un po’ meschina, commentava il Nostro, esacerbato dal fatto che Flaubert gli aveva plagiato il motto “l’autore deve sparire dietro la sua opera”: anche i suoi romanzi (i suoi del Nostro) sono rimasti criminalmente incacati, eppure lui non se n’è mai lagnato, anzi ne traeva una sorta di cupa soddisfazione: citando Gesù Cristo, soleva dire che “questi gaglioffi a furia di ignorarmi finiranno anche con l’uccidermi”, e non si può negare che ci sia del vero, considerando le circostanze misteriose della sua morte. Comunque, tutta questa disordinata premessa solo per introdurre la grande notizia, e cioè che il VITTORIOSO VOLUME COLLETTANEO IN ONORE DI SPALLANZANI è ora disponibile al pubblico, alle masse diciamo, persino agli indotti, non abrigiato né gravato da ive o altri balzelli, e quindi non si riesce a immaginare cosa possa più ritenervi dallo scaricare immantinentemente quest’opera meritoria, gratuita nel senso più ampio del termine, fragrante e di incomparabile signorilità.

macchinaperscrivere

Ed ecco il listone di contributori e collaboratori più o meno volontari, cui vanno sentiti e pletorici ringraziamenti:

Popinga
Anna Costanza Aglietti
Federico Misirocchi
Glenda Rold
Leonetto
Marlene Prischich
Fabrizio Ermini
Brullonulla
Andrea Becherini
Giacomo Bencistà
Tatiana Martino
Daniele Gabrieli
Riccardo Raccis
Andrea Giammanco
Raffaele Ventura
Chiara Reali
Max Boschini
Wendy Rattlelance e Francesca Garello
Milla de Millis
Dario & Rael
La cosa bozzuta
Lorenzo Trenti
e naturalmente Elia Spallanzani.

Annunci

Informazioni su eliaspallanzani

Blog dedicato etc
Questa voce è stata pubblicata in spallanzate e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

8 risposte a Un libro con più autori che lettori

  1. dottord ha detto:

    Se può essere di qualche consolazione (mal comune eccetera), anche Moby Dick fu quello che oggi definiremmo un flop, e venne scoperto dalla critica solo anni dopo la morte dell’autore.

  2. eliaspallanzani ha detto:

    Ma infatti nasconderemo alcune copie nella sabbia, per i critici di domani.

  3. boskizzi ha detto:

    Molto onorato!!! Grazie! 🙂

  4. Pingback: ❖Illustrazioni: San Rospo | Tatiana Martino

  5. Pingback: Non la fine ma il principio benedetto | Fondazione Elia Spallanzani

  6. Pingback: Il dodicesimo anno | Fondazione Elia Spallanzani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...