Il socialismo surreale

locandina_socialismo

Perchè in Italia la letteratura fantastica è così negletta? Spallanzani (citandosi e ripetendosi) rispondeva che gli italiani la fantascienza, il fantasy, l’horror e il surreale lo leggono ogni giorno in cronaca, quindi non hanno bisogno d’altro. Il libro di Sciascia L’affaire Moro, del 1978, conferma in buona parte la battuta del nostro. In quale altro paese sarebbe stato possibile un rapimento del presidente del principale partito* durato 55 giorni, punteggiati da lettere enigmatiche e falsi comuncati, indizi provenienti da sedute spiritiche e male interpretati, terroristi che usano macchinari dei servizi segreti e scrittori come Sciascia, che “a caldo” rileggono un fatto gravissimo come un gioco letterario, citando Borges? Non a caso, anche i film sul caso Moro sono partiti come cronaca e si sono man mano trasformati in dietrologia, fantasia e infine pura retorica.

* Avevamo scritto “presidente del consiglio”. Un lapsus non privo di significato.

Annunci

Informazioni su eliaspallanzani

Blog dedicato etc
Questa voce è stata pubblicata in atrocità, frammenti, indovinelli, paradossi. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Il socialismo surreale

  1. dgabrieli ha detto:

    Questa spiegazione è divertente, ma la verità, secondo me, è che il romanzo in generale non ha mai goduto di particolare considerazione nel nostro Paese. Basti dire che nell’Ottocento, il secolo del romanzo per antonomasia, le nostre punte di diamante sono state lo Jacopo Ortis, cioé una brutta copia del giovane Werther, e i Promessi Sposi, cioé una brutta copia delle opere di Walter Scott.

    Ancor oggi è difficile che in Italia si scrivano romanzi non dico belli, ma anche solo vagamente rispettosi dell’ABC della narrativa. E senza dubbio si collegano a questo discorso anche le condizioni deplorevoli nelle quali versa il nostro cinema: se non sai scrivere un buon romanzo, è difficile che tu sappia scrivere una buona sceneggiatura.

    • eliaspallanzani ha detto:

      Ci fa piacere che hai messo nell’avatar la tua foto più solare. Quel che dici probabilmente è vero, ma resta sempre da chiedersi perchè. L’Italia non ha mai amato il romanzo perchè ne ha troppo, o troppo poco?

      • dgabrieli ha detto:

        Non saprei, però posso aggiungere un elemento. Quando lavoravo come dialoghista di soap opera, ricordo che gli sceneggiatori si lamentavano perché il pubblico era disposto ad accettare le trame più inverosimili nelle serie straniere, ma dimostrava scarsissima propensione a sospendere l’incredulità nei prodotti ambientati in Italia.

      • eliaspallanzani ha detto:

        Però di fronte all’affare Moro l’incredulità l’hanno sospesa eccome. Che strano popolo, eh? Può darsi che dipenda dalla sua eccessiva intelligenza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...