Metà del traffico della rete è generato da Bot

E l’altra metà da scemi. Un articolo dell’Avanti suscita polemiche ma dopo una settimana si scopre che la giornalista non esiste, pare sia un uomo e nemmeno un po’ bello.

P.S. il tizio che sosteneva di essere la giornalista si è poi smentito.

Annunci

Informazioni su eliaspallanzani

Blog dedicato etc
Questa voce è stata pubblicata in imposture, nuovi intrattenimenti. Contrassegna il permalink.

8 risposte a Metà del traffico della rete è generato da Bot

  1. Francesca ha detto:

    Però, scusate…. ma veramente la gente credeva che una con un nome del genere fosse una persona vera? Martina Alice De Carli? Veramente veramente? Pare un personaggio di Moccia, uscita para para da Roma nord tra Vigna Clara e i Parioli.
    Non per fare la Lippa di turno (appro, sto scrivendo una trilogia fantasy-avantgarde sotto falso nome però non ve lo dico), ma il fatto che fosse una bella e giovane bionda non avrà aiutato certi personaggi a cadere nella trappola e non voler vedere che era tutto un fake? Fosse stato un fake maschio e pur dicendo le stesse cose, lo avrebbero minimamente filato? O una operaia di mezza età? bah… Basta dare ste notizie, Fondazione, mi deprimo sotto vari punti di vista…

  2. eliaspallanzani ha detto:

    Invece ci rallegrano, perchè la Credulità è anche la Madre della MaraviLia.
    Poi a dire il vero noi quando vediamo foto di belle bionde pensiamo sempre che siano false, e così dovrebbe fare ogni Fondazione saggia ed esperta del mondo.

  3. pirulix ha detto:

    Ma solo a me questa vicenda ha subito fatto pensare all’irrisolto caso Lippamanni?
    Se a queste considerazioni dell’articolo linkato sostituissimo il nome Martina con Lara, a mio avviso non cambierebbe niente… 😦
    Martina era diventata un personaggio pubblico. Era ben altro rispetto al nome di copertura con cui si firmano articoli. Non era solo uno pseudonimo, insomma. Martina Alice de Carli era diventata un attore del mondo della comunicazione […] Di più. Martina era un opinion leader. Faceva tendenza, criticava, argomentava in maniera sagace, dava giudizi. Non solo sui giornali, ma anche sui social network.
    […]
    E poi perché, diciamolo chiaramente, se si vuole usare uno pseudonimo per firmare un pezzo non c’è nulla di male, ma invece Martina, nel privato delle chat, è andata molto oltre questo ruolo.
    Soprattutto, abusava della buona fede di molti.
    Perché noi crediamo e vogliamo continuare a credere che in rete, nel web, la trasparenza, la fiducia, e la credibilità siano la moneta di scambio più importante che possa esserci. E Martina Alice De Carli, tradiva tutto questo.

  4. pirulix ha detto:

    Mi perplime anche l’indifferenza della rete al popolo dei fakes perché, evidentemente ne ha più familiarità del dovuto. @.@

    • Francesca ha detto:

      Ormai è pratica corrente, e questa non è manco la più grossa. Ricordate il caso della blogger siriana gay che combatteva coraggiosamente per i diritti del suo popolo, gay e non? Era un maschio americano. Più fake di così. E c’erano di mezzo cose serie, diritti civili, rivoluzioni, repressioni, morti ammazzati ecc ecc, non le vanità di una piccola cricca di provincia. Che cosa triste. La gente non può proprio fare a meno di sparare cazzate?

      • eliaspallanzani ha detto:

        Il fatto è che probabilmente metà dei personaggi storici sono così: creavano una maschera funzionale alle loro idee, o alle loro ambizioni: si cambiavano il nome, l’aspetto, infilavano qualche balla nelle loro biografie… solo che avevano meno mezzi. L’efficacia del messaggio si valuta innanzitutto considerando chi lo fa, e a chi lo fa, e questo già dai tempi di Aristotele.

  5. eliaspallanzani ha detto:

    Ma anche perchè chi se ne fotte dell’Avanti, diciamo la verità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...