Fortuna di un’assurdità

Raymond Queneau voleva includere nella sua Enciclopedia delle scienze inesatte alcune discipline schiettamente ossimoriche (l’antropologia spaziale, la chirurgia morale,  l’irrilevanza comparata) o perlomeno assurde come la fisica evolutiva, il metabolismo storico, la spropositologia. Ebbe non pochi seguaci e nel 1972 J. Rodolfo Wilcock dedicò un capitoletto della Sinagoga degli Iconoclasti all’italianissimo Carlo Olgiati, profeta del metabolismo storico, una forma estrema di determinismo digestivo. Si vede che nella coppia di termini c’era del fascino perchè oggi google trova 64 riferimenti al “Metabolismo storico”, tolti ovviamente Wilcock e Queneau.
D’altronde il meccanismo era noto al Rodolfo, che sempre nella Sinagoga ripeteva Swift ed individuava nel Filosofo Universale (una macchina che accosta parole a caso) la principale fonte della filosofia e della poesia moderne, ossia di “quel vasto settore di indagine a scopo voluttuario o decorativo consistente nel causale accostamento di vocaboli che nell’uso corrente raramente vanno accostati, con susseguente deduzione del senso o dei sensi che eventualmente si possono ricavare dall’insieme”.
Le figure contraddittorie e le metafore incongrue da balocco dei logici e dei linguisti sono diventate materia per gli umoristi e, grazie alla loro mediazione banalizzante, strumentario corrente degli artisti e dei critici, e infine anche dei politici e dei pubblicitari. Giunte alla grande massa, che evidentemente non aspettava altro, hanno esteso il settore dell’improprietà di linguaggio fino a farci sentire tutti un po’ poeti e un po’ filosofi. Oggi anche la parrucchiera parla tranquillamente di intelligenza emotiva e di dna delle idee. La confusione è grande sotto il cielo e ciò è notoriamente un ottimo segno, figlio di quel metabolismo storico che cambierà le nostre vite.

Advertisements

Informazioni su eliaspallanzani

Blog dedicato etc
Questa voce è stata pubblicata in illuminati, oulipiaggini, virale. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...