Piccoli nazismi (nostri)

Ieri Paolo Nori ha pubblicato una noterella sulla traduzione delle parole ripetute. Il pezzo ripete un altro suo intervento e suscita il sorriso: quanta goffaggine in questa traduzione italiana di American Psycho, dove al tre volte ripetuto “bus” si sostituiscono “autobus”, “corriera” e addirittura il vieto “torpedone”! Quanto provincialismo e profumo di scuola media. Sennonchè, non è vero. La traduzione di American Psycho usa tre volte “autobus” e aggiunge un “torpedone” perchè il traduttore modifica la struttura di una frase, inserendo una ripetizione che nell’originale non c’era, e per farlo usa un sinonimo. Non c’è traccia della vituperata corriera. Nella più recente edizioni Einaudi anche il risibile torpedone è stato giustiziato e ora il testo rifulge nella purezza della triplice ripetizione: “bus, bus, bus”.

Annunci

Informazioni su eliaspallanzani

Blog dedicato etc
Questa voce è stata pubblicata in illusioni, oziosità. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...