De l’inferno

In una nota giovanile Elia Spallanzani immagina che Cristoforo Colombo fosse segretamente alla ricerca dell’Inferno, invece che delle Indie. Passa poi ad esaminare le varie tesi sulla posizione degli inferi (quelle che lo pongono sotto terra, a fianco alla terra, lontano dalla terra, sulla punta di uno spillo, nell’animo individuale etc) e infine scrive: “Però bisogna attenersi ai fatti. Secondo certe teorie, al principio del tempo l’universo si sarebbe espanso a velocità inflazionistica, cioè superiore a quella della luce. Quindi le frange estreme della realtà sarebbero buie, ed eternamente buie, perchè continuano ad allontanarsi alla velocità della luce, sulla quale hanno un piccolo vantaggio che non sarà mai colmato: fino alla consumazione dei secoli. Una sfera incommensurabile di buio abbraccia quindi l’universo ed è quella l’unica vera notte, la notte originaria e vergine. Quale luogo migliore per collocarvi l’inferno?”

Annunci

Informazioni su eliaspallanzani

Blog dedicato etc
Questa voce è stata pubblicata in frammenti, spallanzate e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...