Ogni cosa è illuminata

In quel curioso zibaldone che è “Raccontalo alla cenere”, Elia spallanzani ha accumulato note erudite, poesiucole, sfoghi diaristici e innumerevoli bozze di racconti e romanzi. A volte si tratta di una sola riga, per di più criptica (es. “Nota per un conto filosofico: Platone è il padre del nascondino, Aristotele di tutte le parole crociate), mentre in altri casi c’è un certo sviluppo, come nell’esempio che riportiamo:

“30 agosto 1982, revisione della prima idea: siamo negli anni settanta, un antropologo sbarca in qualche isola della Polinesia e si imbatte in dei selvaggi mai toccati dalla civiltà. Li osserva, annota i loro curiosi rituali, che in fondo si riducono alla solita pantomima di morte di tutti i rituali, poi si accorge che la cerimonia più sacra di tutte consiste nel chiudere un uomo in un recinto, la sabbia disseminata di conchiglie, con altri selvaggi rivestiti di penne e colori squillanti che lo inseguono silenti, piroettando. L’uomo fugge disperatamente, fa una capriola, poi una finta, scarta di qui e di lì, i demoni sembrano indugiare prima di saltargli addosso, poi all’improvviso il fuggitivo si china e raccoglie una grossa conchiglia, l’alza al cielo giubilante, al che i demoni si coprono il viso e fuggono via da lui. Nel frattempo tutto il villaggio segue attento e ronza una strana melodia ripetitiva. Lo strano rito si ripete più volte, finchè l’antropologo non si addormenta. Di certo, egli pensa, questo rito simboleggia la lotta dell’anima contro i terrori dell’oltretomba: infatti è malato di Illuminismo. Bene, al suo ritorno in patria il nostro antropologo scrive il suo articolo e racconta più volte l’esperienza che l’ha tanto colpito, ma nessuno gli presta grande attenzione, in fondo ci sono migliaia di tribù selvagge e tutte hanno i loro piccoli riti, del tutto simili a quello descritto. Ad ogni modo l’articolo viene pubblicato, riceve qualche commento stitico e poi sparisce tra gli annali polverosi di una rivista specializzata. Qualche anno dopo il figlio dell’antropologo, studente del Mit, inventa un videogioco.”

Advertisements

Informazioni su eliaspallanzani

Blog dedicato etc
Questa voce è stata pubblicata in frammenti, spallanzate, vecchi intrattenimenti e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Ogni cosa è illuminata

  1. Pingback: La massoneria degli spostati due (o più) | Fondazione Elia Spallanzani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...