Reazione a catena, o "mai troppo zelo"

Mentre i veneti si rimangiano la censura e Wuming se ne viene nelle mutande per aver letto un suo brano in pubblico, dall'Abbruzzo ci giunge questa lettera:


"Salve amici spallanzani, mi chiamo ******** e preferirei non veder pubblicato il mio nome per tema di rappresaglie. Nella biblioteca civica dove lavoro la dirigente mi ha chiesto di rimuovere dallo scaffale tutti i libri di Elia Spallanzani ma io non ne ho trovati e adesso non vorrei apparire disubbidiente ed essere punita! Non potreste mandarmi una copia di "Crocevia" in modo che io possa boicottarla? Sapete, la nostra biblioteca è sempre chiusa per restauri ma ci lavoriamo in quattro e dobbiamo pur fare qualcosa! Cari amici venitemi incontro vi prego ho paura della precarietà".

Cara ELLE (ti chiameremo così perchè immaginiamo il rischio che corri), la tua lettera ci ha scosso. Sappi però che le opere del Nostro sono ancora in vendita e quindi la tua biblioteca potrebbe acquistarne una copia per poi farla sparire, non credi? Tanto paga il governo! Così aiuterai l'industria editoriale e al contempo obbedirai alla tua dirigente.
Tanti cari saluti, La Fondazione (AMSG)

Annunci

Informazioni su eliaspallanzani

Blog dedicato etc
Questa voce è stata pubblicata in arte postale, paradossi, rovesci. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...