Plagi a catena

Sarebbe bello fare una storia del cinema (o della letteratura) organizzata per soggetti e non per periodi: in questo modo vedremmo le stesse parole, le stesse immagini attraversare i secoli, attaccate e questo o quell’altro autore accidentale. Un esempio: molti arrivano su questo sito cercando Roberta Sparrow, il personaggio di Donnie Darko. Ebbene il regista di Donnie, Richard Kelly, ha appena girato The Box e il plot è questo: una coppia riceve una scatola misteriosa e gli viene detto che premendo il bottone sulla scatola riceveranno un grossa somma di denaro, ma qualcuno morirà. La storia viene da “Button, Button“, un vecchio epidosio de “I Confini della realtà” del 1985, che a sua volta è basato sull’omonima storia di Richard Matheson pubblicata nel 1970. La storia di Matheson, però, non è altro che il rifacimento del classico “La zampa di scimmia” di W. Jacobs, del 1902*. Insomma il film del 2009 è basato su una storia del 1902, ma anche la “zampa” è a sua volta un’illustrazione della frase proverbiale: “attento a ciò che desideri, perchè potresti averlo”, eccetera eccetera.

* In Antologia della letteratura fantastica, a cura di J.L Borges, S. Ocampo, A. Bioy Casares, e scusate se è poco.

Annunci

Informazioni su eliaspallanzani

Blog dedicato etc
Questa voce è stata pubblicata in plagi, virale. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Plagi a catena

  1. Pingback: Vicende di un proverbio | Fondazione Elia Spallanzani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...