Sul libro dell'inquietudine di Bernardo Soares

6ffac866d73f48b66b50a9fee6dedd66E’ estate, non avendo di meglio da fare leggiamo libri. Questo qui era da tempo nella lista (eteronimi, blablabla), ma ci sta prendendo abbastanza a male. Vogliamo fare però una nota un poco futile sul carattere dell’autore: come ci avverte il curatore dell’edizione italiana, il fondo Pessoa comprende oltre ventisettemila documenti. Da una parte di questa congerie è stato ricavato “Il libro dell’inquietudine”, che viene quindi qualificato “opera aperta”, ricostruzione dei curatori, libro smontabile, insieme arbitrario di fogli sciolti. E va bene, siamo d’accordo. Poi però ci viene detto che parecchio materiale è stato ricavato da frammenti annotati al volo, scritti su materiale d’occasione come buste commerciali, fogli di quaderno e di taccuino, margini bianchi di fogli usati per altri testi, etc.

Ora, chiunque in vita sua abbia annotato una frase su un foglio sciolto (o come facciamo noi su un pacchetto di sigarette), chiunque l’abbia fatto, dicevamo, sa che quel foglio si perderà; quel pacchetto. Nessuno ritrova mai gli appunti presi al volo e questa dobbiamo dire è spesso la caratteristica migliore di quegli appunti. Nel fondo Pessoa invece ci sono. Quindi il nostro scriveva dove gli capitava, però conservava (o forse conservava per lui la serva, o la nettezza urbana, o il dio dei fogli sciolti degli artisti). Alla fine sono stati raccolti 27.000 tra testi e brandelli e questa permanenza dei brandelli toglie molto al sapore casuale, occasionale, alla fragile e viva leggerezza di questi testi, nati alla vita breve degli appunti e però catalogati in un fondo mortuario. E così, per riflesso, anche questo libro tanto scomponibile ed aperto ci sembra invece una cosa plumbea, nera e compatta, difficile da digerire come uno scherzo frainteso.

Advertisements

Informazioni su eliaspallanzani

Blog dedicato etc
Questa voce è stata pubblicata in frammenti, pseudo recensioni. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...