Un poema que parecía dilatar hasta lo infinito las posibilidades de la cacofonía y del caos

Interrompiamo il nostro forzato silenzio per segnalarvi:
 
with 100,000 Normal Deviates

certamente la più sensazionale opera letteraria del secolo passato. Il libro contiene appunto un milione di numeri a cinque cifre prodotti in modo del tutto casuale, cosa assai più ardua di quanto possa sembrare.
La mente umana, infatti, ha questa singolare inclinazione per l’ordine, per cui un soggetto invitato a produrre serie di numeri casuali, ad inventarseli, irrimediabilmente genererà una stringa dotata di qualche senso, di significative ed oscure ripetizioni.
Sfruttando il potere del decadimento degli atomi, questo capolavoro ci assicura invece centinaia di pagine di numeri completamente disordinati, che non veicolano, ed è questa la cosa inaudita, che non veicolano alcuna informazione.
Tuttavia, è noto che il fatto estetico non si produce nella scrittura, ma nella lettura, per cui anche la più fulgida tabella causale può essere rovinata dal lettore metodico: l’occhio tende infatti a cadere prima su certe parti della pagina, e un libro aperto ripetutamente tenderà ad aprirsi sempre sugli stessi fogli: pertanto, accluso al tabellone dei numeri ci sono anche le istruzioni per depurare il lettore dalle sue tendenze cosmetiche, cioè ordinatrici, e dalle sue abitudini, che sono la forma più volgare del senso: la procedura per consultare l’opera è quindi la seguente:
-apri il libro: chiudi gli occhi,  punta il dito e poi leggi le ultime due cifre del numero: e in base a quelle guarda la tale colonna, e così via 
Una seria critica del libro richiederebbe troppo spazio: diremo soltanto che esso riassume in picciol spazio la Borgesiana Biblioteca di Babele, e che può leggersi come la cronaca dell’esistenza del gatto di Schroedinger, legato pure lui, nelle sue fantastiche fluttuazioni tra l’essere e il nulla, al decadimento di un atomo instabile. Un’opera che aspira alla purezza del verbo divino, e che la raggiunge nell’unico modo possibile: cessando di nascere dall’uomo.

Giunta del 20 ottobre: l’opera prende piede: ecco le recensioni di amazon.

Annunci

Informazioni su eliaspallanzani

Blog dedicato etc
Questa voce è stata pubblicata in borges, combinatoria, pseudo recensioni, segnalazioni. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Un poema que parecía dilatar hasta lo infinito las posibilidades de la cacofonía y del caos

  1. Pingback: Disarmonia preordinata | Fondazione Elia Spallanzani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...