Finte

Paolo Albani è uno dei pochissimi scrittori italiani per cui si possa usare senza troppo timore l’etichetta di “Perechiano”, nel senso di discepolo di Perec. Per il resto, nel nostro sottomondo letterario da un po’ di tempo in qua le parole d’ordine sembrano trama forte, plot avvincente, e ancora trama forte. Si inneggia quindi ad un tipo di letteratura diametralmente opposta rispetto alle teorie oulipiane.
Tuttavia, il ciclo e reciclo delle mode e delle inanità mai non si arresta: l’inevitabile e temuta rivalutazione sindacalistico-strapaesana della letteratura ‘costruita’ e metareferenziale (non autoreferenziale, per carità) sta arrivando. Esempi: Perceber, di Colombati; Matteo B. Bianchi che pubblica  per Fernanedl un libro “ispirato” a Perec; persino per “Groppi di amore nella scuraglia” di Scarpa si parla apertamente di discendenza perechiana (Belpoliti, su Stilos).
Abbiamo i nostri dubbi. Staremo a vedere. Se ci dice culo, torna di moda anche Spallanzani.

Annunci

Informazioni su eliaspallanzani

Blog dedicato etc
Questa voce è stata pubblicata in blog, circoletti, segnalazioni. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Finte

  1. utente anonimo ha detto:

    Cari amici,
    non mi risulta che qualcuno abbia mai parlato, né “apertamente”, né in altro modo di “discendenza oulipiana” per il mio “Groppi d’amore nella scuraglia”. Forse è sfuggito a me, o forse la vostra indicazione potrebbe essere più precisa: così mi sembra piuttosto vaga: chi ha fatto (per di più “apertamente”) un parallelo simile? E dove?
    In ogni caso, sono d’accordissimo sulla sostanza del vostro intervento: secondo me “Groppi d’amore nella scuraglia” non ha proprio nulla a che fare con i procedimenti dell’Oulipo (che peraltro ammiro molto e conosco molto bene per averli studiati con passione fin dai tempi dell’università).
    Un saluto e un grazie per l’attenzione

    Tiziano Scarpa

  2. dhalgren ha detto:

    belpoliti su stilos diceva, a proposito del libro, ‘Scarpa discende da Queneau e da Perec’.

  3. utente anonimo ha detto:

    Grazie dell’individuazione della fonte. Se permettete, però, Queneau e Perec non sono riducibili all’Oulipo. Queneau e Perec hanno fatto molte altre cose oltre a partecipare all’Oulipo e a produrre testi oulipiani. Dire di un libro che “discende da Queneau e da Perec” non significa affatto ricondurlo “apertamente” all’Oulipo. Ad ogni modo ripeto quel che ho già detto nel commento precedente: anche secondo me “Groppi d’amore nella scuraglia” non ha nulla a che fare con l’Oulipo (e, se posso aggiungere, neanche con Queneau e Perec).

    Grazie ancora dell’attenzione

    Tiziano Scarpa

  4. dhalgren ha detto:

    è vero: il post sarà corretto in “discendenza perechiana”. grazie a te.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...