La beffa delle cene

Tre ragazzi del liceo Galvani di Terni hanno messo in giro la voce che tre studenti del MIT hanno fatto pubblicare una ricerca scientifica costruita con frasi prese a casaccio e nessuno se n’è accorto.
In effetti: tre studenti del MIT hanno sottoposto agli organizzatori di un convegno dal nome altisonante pagine e pagine di sciocchezze generate a caso, e quelli l’hanno prese per buone. Ma il bello non sta qui, perchè qualsiasi persona normale si sarebbe accorta da subito che il convegno in sè era un imbroglio. Basta vedere come si presenta:

“WMSCI 2005 might be perceived as a research corpus callosum, trying to bridge analytically with synthetically oriented efforts, convergent with divergent thinkers and focused specialists with non-focused or multi-focused generalists.”

Se poi uno va a guardare gli sponsor accademici, trova una ISS, Italian Society of Systemics, che però non esiste.
Tutto il sito del WMSCI è gibberish, monnezza, e ben più efficiente della relazione farlocca dei Mittini. Infatti cosa c’è dietro il WMSCI? un tale Nagib Callaos, sedicente professore dell'”Universitad Simon Bolivar” (ne parla questo tipo). Notate che il WMSCI accetta le relazioni senza nemmeno leggerle e poi chiede soldi per partecipare al convegno (soldi che, detto per inciso, i tre ragazzi del Mit autori della beffa intendono spendere, perchè tanto non sono soldi loro: li hanno raccolti con donazioni).
Dunque: un ente palesemente farlocco, che organizza una conferenza palesemente farlocca; una pagina web piena di sciocchezze; tre nerd del MIT che si gloriano di aver imbrogliato degli imbroglioni e raccolgono donazioni da versare, in definitiva, agli imbroglioni stessi.
Secondo voi a chi è riuscita meglio la burla? Ai tre del MIT o mister Nagib Callaos, detto l’hidalgo?
A Vanna Marchi o a Striscia la Notizia?

P.S. nel 2011  il Journal farlocco è ancora in perfetta forma, ha solo cambiato indirizzo.

Advertisements

Informazioni su eliaspallanzani

Blog dedicato etc
Questa voce è stata pubblicata in bufale, illuminati, paradossi. Contrassegna il permalink.

2 risposte a La beffa delle cene

  1. Ah, che delusione. E noi umanisti che volevamo usare sta storia contro quell’altra.

  2. amnesty8 ha detto:

    Grazie per la segnalazione, ho scritto un post per correggere l’imprecisione: http://treviso.iobloggo.com/archive.php?eid=2977879

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...