Critica della generazione spontanea

Prendendo spunto da un frammento di Novalis (“Se avessimo una Fantastica, come una logica, sarebbe scoperta l’arte d’inventare”) Gianni Rodari compose una Grammatica della fantasia nella quale s’illuse di rispondere alla domanda: Come si fa a inventare le storie? Dal saldo del debito con surrealismo e psicanalisi, cadaveri squisiti e libere associazioni, Rodari giunge ai lidi estremi della letteratura potenziale e generativa: le storie s’inventano da sole, sostituendo sillabe, accostando parole e inseguendo gli universi rappresentati dai nostri errori (“In ogni errore giace la possibilità di una storia”). L’autore lasci a funzioni casuali la fermentazione dei significanti, e colga i significati che ne emanano. A questo punto basterà davvero poco per costruire un racconto, riempiendo lo spazio che il procedimento avrà accennato. Precorrendo questi precetti Raymond Roussel si limitò ad articolare un libro intero (Locus Solus) tra una frase e la sua riscrittura fonetica (come documentato in Comment j’ai écrit certains de mes livres).
È indubbio il fascino di queste speculazioni: ma Rodari per eccesso di umiltà (e Roussel per eccesso d’ironia) sceglie di tacere tutto ciò che nell’atto creativo non si risolve in automatismi e generazioni spontanee. Accenna soltanto: “Novantanove matrimoni celebrati con questo rito falliscono al pranzo di nozze: il centesimo si rivela felice e fecondo”. Una proporzione sicuramente più ottimista di quella che su scala infinita attribuisce a una scimmia la paternità dell’opera omnia di Shakespeare; ma che nello stesso modo rende palese la necessità dell’arbitrio creativo. Insomma dell’autore, che lungi dall’essere un mero funzionario organizza a priori la produzione di rappresentazioni. Come nella scienza non basta accumulare esperimenti (lasciando che una teoria si tragga da sé), ed è anzi opportuno ricorrere alla fantasia come principio ordinatore, anche nell’arte il sogno dell’induzione deve lasciare posto ad una più realistica abduzione.

Annunci

Informazioni su eliaspallanzani

Blog dedicato etc
Questa voce è stata pubblicata in combinatoria, oulipiaggini, pseudo recensioni. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Critica della generazione spontanea

  1. pois ha detto:

    tutto molto saggio. tra tacchini (induttivisti) che mangiano fagioli (abduttivati) invidio però l’ornitorinco (noncurante), che campa uno o cent’anni – di tutto il resto se ne sbatte.
    😉

  2. zop ha detto:

    ARTE E SCIENZA. c’è chi ha sostenuto che anche le teorie scientifiche sono atti di fantasia che non si sa da dove vengono… per es. Popper, in Congetture e confutazioni ha in mente un modello in cui un guazzabuglio di idee emerge continuamente e poi è sottoposto a falsisficazione… solo quelle non falsificate sopravvivono! Feyerabend dal canto suo, anarchico metodologico, provocatoriamente sostiene che non c’è alcuna differenza tra l’atto creativo dell’arte e quello della teoria scientifica! Calvino invece… partendo da enunciati di teorie scientifiche, nelle Cosmicomiche, deriva racconti fantastici come fosse partito dai tarocchi! zZzao

  3. dhalgren ha detto:

    UAZ UAZ! la “critica delle generazione spontanea” è una delle imprese più famose di spallanzani, ma non elia: lazzaro, lo scienziato. hai fatto il giUoco di parole! ma t’abbiamo sgamato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...