Sulla differenza tra giallo e noir

Riassuminamo il criterio proposto qualche tempo fa su nazioneindiana: il giallo presuppone un mondo ordinato, un fatto che turba l’ordine (il caso, es. un omicidio) e un agente che, ragionando sui dati, ricostruisce l’ordine. Il noir tutto il contrario, e cioè un mondo caotico, un criminale che vuole imporre un ordine parziale (es. progettando un omicidio) e in genere il fallimento di questo tentativo.
A nostro avviso il maggior pregio di questo schema è di essere facilmente confutabile. Basta notare che lo stesso fatto, ad es. un omicidio, è considerato portatore di ordine nel noir e di disordine nel giallo. Si ha quasi l’impressione che l’autore abbia costruito a priori uno schema per così dire contrappuntistico e poi ci abbia ficcato dentro a forza i due generi.
E’ anche chiaro che il termine “ordine” viene usato indiscriminatamente per dire due cose diverse. Parlando del giallo, per ordine si intende quello sociale. Nella frase sul noir, ordine significa “senso compiuto”. L’omicidio, in effetti, turba l’ordine sociale ed allo stesso tempo è un fatto finito, che ha senso. Istintivamente, sentiamo che ammazzare qualcuno a sangue freddo è una storia chiusa.
E’ formula risalente quella che considera il giallo una branca della teologia, con l’investigatore che deduce da elementi finiti l’intera catena di fatti e conseguenze, fino a risalire al motore immoto. Il giallo sarebbe deterministico, eminentemente ordinato. Sarà. Ma allora l’omicidio è parte di quell’ordine, inevitabile e armonioso come lo spandersi della luce sugli oggetti. Ma ciò è impossibile, perchè in un mondo deterministico non esiste scelta e l’assassino, per essere punito, deve poter scegliere.
Al contrario, proprio nel noir si ha spesso l’impressione che le cose non potrebbero andare diversamente. Tutto congiura, tutta l’apparente follia delle cose trascina le pedine verso il necessario macello. Quest’ultima parte giusto per rovesciare sul dorso il ragionamento, come si fa con le tartarughe.

Annunci

Informazioni su eliaspallanzani

Blog dedicato etc
Questa voce è stata pubblicata in delitti, rovesci. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Sulla differenza tra giallo e noir

  1. Pingback: Nera illusione | Fondazione Elia Spallanzani

  2. Pingback: Critica di libri non letti (ancora sul giallo) | Fondazione Elia Spallanzani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...