Arte postale /2

Vi piacerebbe ricevere lettere da un assassino? Domanda tutto sommato non così peregrina… nel 2000, per promuovere il lancio del film American Psycho, la casa di produzione diede ai fan l’opportunità di seguire una trama secondaria del film direttamente a casa propria. Lasciando il proprio indirizzo di posta elettronica era infatti possibile ricevere un carteggio tra i personaggi, costituito da una serie di e-mail, direttamente nella propria casella postale. Tracce di questo interessante meccanismo narrativo che sfrutta la tecnologia push (finora mai più replicato, a quanto ne sappiamo) restano nell’articolo di Wired dedicato a questa curiosa operazione multimediale.

Annunci

Informazioni su eliaspallanzani

Blog dedicato etc
Questa voce è stata pubblicata in arte postale, delitti, media, segnalazioni. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Arte postale /2

  1. dhalgren ha detto:

    qui http://marsilioblack.splinder.it/1071601283#1079110
    c’è qualcosa di simile, ma diverso. si tratta “[…] di un romanzo giallo su computer che simula una successione di email, pagine web e instant messages attraverso cui la storia progredisce. Tutto ha inizio con un’email spedita alla persona sbagliata, il lettore[…]”. per altro, mi ricorda un vecchissimo gioco per computer (portal, mi pare)

  2. eliaspallanzani ha detto:

    Be’… doveva essere la segnalazione Arte postale /3. :-))) Comunque grazie!

  3. dhalgren ha detto:

    ops… vabbè. già che ci sono, aggiungo qualcosa info videogioco Portal: io ne avevo una versione per pc, ma esisteva anche per amiga. era stranissimo. tu facevi l’astronauta che tornava su una terra vuota e morta, e interrogando un vecchio terminale dovevi capire che diavolo era successo. una specie di libro interattivo più che un videogioco.
    la colonna sonora era molto ripetitiva ma molto d’atmosfera, come tutto il resto. Era bellissimo. Al giorno d’oggi e’ un’esperienza strana, considerando la montagna di grafica 3d, ma se riesci a pazientare, ti ritrovi con una storia di fantascienza veramente notevole.

  4. Pingback: Lo spettro del natale passato (del 2003) | Fondazione Elia Spallanzani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...