L’evoluzione sentimentale

Il 29 maggio 1978 (o almeno così è riportato in Raccontalo alla cenere), Elia Spallanzani scriveva:

********************
Nel nostro corpo circolano endorfine,
droghe gentili prodotte dal cervello.
La morte di qualcuno che ami le fa degradare.
Che senso ha questo meccanismo?
Non sembra un tratto di sopravvivenza.
È un residuo del calderone genetico.
Il prossimo grado evolutivo lo cancellerà.
È inutile, dannoso.

********************

Advertisements

Informazioni su eliaspallanzani

Blog dedicato etc
Questa voce è stata pubblicata in apocrifa, atrocità, frammenti, spallanzate e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...