La fiction? È tutta una finzione.


Frugando tra gli scaffali delle bancarelle di libri usati capita spesso di trovare vere e proprie perle preziose. Come questo volumetto: Thomas G. Pavel, Mondi di invenzione. Realtà e immaginario narrativo, Torino, Einaudi, 1992. Il libro è un bel saggio che esplora il concetto di narrazione (reso dal pressoché intraducibile fiction) inteso come finzione, in particolare per quel che riguarda gli universi immaginari: vengono tirate in ballo la psicologia, la logica, la filosofia del linguaggio, la letteratura e l’intelligenza artificiale, in un gustoso miscuglio interdisciplinare. Pare insomma che dovremo ragionare un po’ più a fondo quando diciamo che qualcosa "esiste" o "non esiste".
Per finire, nel libro si cita ovviamente anche lo Spallanzani di Crocevia, in una sagace massima che riportiamo pure noi: Essere esistenti senza esistere è la sofisticata prerogativa comune a entità matematiche, monumenti architettonici privi di finanziamenti, emanazioni spirituali nei sistemi gnostici e personaggi di invenzione.

Annunci

Informazioni su eliaspallanzani

Blog dedicato etc
Questa voce è stata pubblicata in frammenti, illusioni, pseudo recensioni, segnalazioni, spallanzate. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...