Archivi categoria: oziosità

La trappola di Scooby-Doo

Nel libro “I giochi e gli uomini” Roger Caillois individua quattro radici del gioco: agon, alea, mimicry (imitazione o mimetismo) e ilinx (la vertigine). A suo parere c’è un forte legame tra gioco e struttura sociale, tanto che le società … Continua a leggere

Pubblicato in illuminati, illusioni, nuovi intrattenimenti, oziosità, vecchi intrattenimenti | Lascia un commento

Il redentore incredulo aka Nino Manfredi

Quand’eravamo piccoli facevano spesso i film di Manfredi e soprattutto quelli di un certo periodo, tra i ’70 e gli ’80, in cui lui era già abbastanza vecchio e recitava sempre più o meno la stessa parte, e cioè quella … Continua a leggere

Pubblicato in media, oziosità, segnalazioni | Lascia un commento

Post ideologico

Il 16 marzo 1978 viene rapito Aldo Moro. Ogni anno in questa data ci chiediamo fino a che punto la decisione delle BR fosse irrazionale. E’ inutile dire che non intendiamo legittimare l’uso della violenza: ragionarci non equivale a giustificarla. … Continua a leggere

Pubblicato in atrocità, oziosità, paradossi | 1 commento

La parola di cenere

In Italia non si è intellettuali di rispetto se manca la dissertazione sul puffo o sui fagioli di Raffaella Carrà. Discutendo della somiglianza del puffese con la neolingua di Orwell*, e delle gioie che vengono da un vocabolario ristretto, l’amico … Continua a leggere

Pubblicato in oziosità | 4 commenti

Retorica

Nel film “C’eravamo tanto amati” (1974), di Scola, Nicola Palumbo è un insegnante di sinistra, cinefilo, ammiratore di “Ladri di biciclette”, che a un certo punto partecipa a “Lascia o raddoppia?”. La domanda finale riguarda il motivo per cui il … Continua a leggere

Pubblicato in imposture, oziosità, rovesci, vecchi intrattenimenti | 2 commenti

Army of Me

Aka discorso preliminare sull’abolizione di tutte le guerre. Le guerre sono rumorose e spiacevoli ma la gente pensa che non si possono eliminare e argomenta che non si può estirpare la violenza: vasto e comune errore, in quanto eliminare la … Continua a leggere

Pubblicato in atrocità, oziosità | 2 commenti

La contadinesca fatica

E’ incredibile che ogni anno migliaia di italiani scrivano libri, considerando la fatica che costa. Sono venti giorni che rileggiamo le stesse pagine e vengono sempre fuori altri errori, incongruenze, stramberie tipografiche. Per non parlare della tentazione di modificare un’altra … Continua a leggere

Pubblicato in oziosità | 2 commenti

Il benemerito opuscolo

Egregi! Dopo qualche falso annuncio e un certo drama, e con soli due anni di ritardo, ecco finalmente pronta la bozza del libro in onore di Spallanzani. Scritto, stampato e rilegato per le amorevoli cure dei Fondazionisti tutti. Il benemerito opuscolo, … Continua a leggere

Pubblicato in apocrifa, copertine, oziosità, spallanzate | Lascia un commento

Un post che lascia l’amaro in bocca

Natale, tempo di laboriose digestioni. Niente di meglio allora di una bevanda che faciliti il transito e perciò la Fondazione bandisce il concorso per il miglior liquore potenziale. 1. Vecchia Romania, il brandy che crea un’atmosfera vetero-stalinista. 2. Amaro Realismo: … Continua a leggere

Pubblicato in atrocità, oziosità | 2 commenti

Vicende di un proverbio

Gli inglesi hanno un proverbio, “attento a ciò che desideri, perchè potresti averlo”, che gli italiani attribuiscono ad Oscar Wilde e gli anglosassoni a Esopo. La storia di questa frasetta, che è molto produttiva, ci affascina da sempre. Benchè implicita … Continua a leggere

Pubblicato in oziosità, plagi, virale | 6 commenti